Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin
Share On Pinterest

Succede sempre. Si pensa al piano editoriale, prepariamo con cura tutti i post, iniziamo a programmarli e poi ci chiediamo: e ora, come programmare un post su Instagram?

Bene o male per tutti gli altri social non abbiamo questo problema. Con funzioni native o con tool esterni in qualche modo riusciamo a soddisfare l’esigenza del dover pubblicare un contenuto anche se impossibilitati.

In questo post sceglieremo, tra diversi tool esterni, quello ideale per gestire al meglio la nostra presenza su Instagram.

La maggior parte di questi strumenti non pubblicheranno direttamente su Instagram, ti faranno inserire la foto, comporre il messaggio e scegliere giorno e ora. Poi ti arriverà una notifica sullo smartphone e dovrai pubblicare da lì.

Questo perché sia le Condizioni d’Uso per l’utente, che la API Platform Policy di Instagram, non consentono la pubblicazione diretta da terze parti.
Quindi chi permette di farlo direttamente è a rischio chiusura poiché il loro metodo gioca “sul filo del rasoio” delle policy di Instagram.

Nell’elenco che segue, comunque, troverai tutt’e due le tipologie di strumenti. A te la scelta (l’unico consiglio che posso darti è di salvarti il riferimento della foto e la caption anche su Google Calendar o su un Excel, nella malaugurata ipotesi che il servizio venga chiuso).

  • Hootsuite: la più popolare piattaforma di social media management. Una volta collegato l’account Instagram con Hootsuite potrai caricare le immagini da computer, inserire un testo e programmarle per un giorno e orario preciso. Quando arriverà il momento riceverai sul tuo dispositivo, tramite l’app di Hootsuite, una notifica, da qui dovrai tagliare l’immagine e incollare il testo da associare (testo che l’app di Hootsuite ha già copiato negli appunti del telefono, quindi dovrete solo incollare).
    Fatto questo, non resta che pubblicare.
  • Postpickr: il concorrente italiano di Hootsuite ha aggiunto alle sue funzioni la programmazione per Instagram. Anche qui potrai creare e programmare i contenuti per Instagram dal PC e decidere la data e l’orario di programmazione, per poi ricevere sul tuo dispositivo una notifica push dall’app PostPickr (qui la trovi per IoS), con il contenuto pre-caricato e pronto per essere pubblicato attraverso la app ufficiale Instagram.
  • Buffer: altro tool di social media management. Anche in questo caso creerete il contenuto da PC per, poi, programmarne la pubblicazione. All’ora decisa riceverai una notifica push sullo smartphone dall’app di Buffer, con il contenuto pre-caricato e pronto per essere pubblicato attraverso la app ufficiale Instagram.

Il vantaggio di questi 3 strumenti è di racchiudere in uno stesso luogo tutto il tuo calendario editoriale e poter vedere a colpo d’occhio se manca qualcosa e se è necessario spostare qualche pubblicazione

  • Later (ex Latergram.me): applicazione nata appositamente per Instagram permette di lavorare sia da app che da computer. Una volta installata basterà accedere con il tuo profilo Instagram, caricare e programmare i post. All’ora prevista arriverà una notifica sul tuo smartphone e potrai pubblicare. Potrai caricare foto da pc, da Google Drive o da Dropbox.
    L’account gratuito permette di pubblicare un massimo di 30 post al mese.

Se sei arrivato a leggere fino a questo punto ti meriti di affrontare il vero motivo che ti ha portato su questo post: poter programmare una pubblicazione su Instagram alle 3 di notte senza doverti svegliare, anche solo per cliccare su “pubblica”.

  • Schedugr.am: forse lo strumento più conosciuto per gestire e programmare i post su Instagram (caricando anche più foto per volta), tagliare l’immagine e applicare filtri prima di postare, tutto direttamente dal computer.
    Il costo minimo è di 16€ al mese per account (se vuoi valutarlo prima puoi sfruttare una settimana di prova gratuita)
  • Onlypult: questo strumento ti permette di pubblicare direttamente, senza altri passaggi. Il costo minimo è di 12$ al mese per 3 account (ma avrai 7 giorni di prova gratuita).
    Disponibile solo da web.
  • Wisel: qui potrai programmare anche la condivisione del post su Twitter e Pinterest. La piattaforma offre anche un editor che permette il ritaglio diretto in tempo reale, così da poter aggiustare la foto nel formato quadrato come meglio preferisci e poi applicare anche una serie di filtri prima di postare la foto.
    L’account free permette di collegare un solo profilo e programmare un contenuto al giorno. Il costo minimo è di 4,99€ al mese (Con una free trial di 14 giorni).
    Ha anche un’applicazione per IoS e Android
  • Hopperhq: questo web tool oltre a farti programmare e pubblicare post direttamente su Instagram permette anche di tagliare, applicare filtri e aggiungere la caption alla foto e di aggiungere il primo commento, quello in cui di solito vengono inseriti i gli hashtag che possono servire per aumentare la visibilità del post ma che non volete si vedano nella condivisione su Facebook e altri social.
    Puoi caricare l’immagine anche da Facebook e Flickr, oltre a Google Drive e DropBox.
    Il costo di base è di 19$ al mese per account (che diventano 16 facendo l’abbonamento annuale). Se sei curioso puoi provarlo gratis per 14 giorni.

Piccola aggiunta: Grids. Quest’app, disponibile solo per Mac, non permette di programmare su Instagram, ma la segnalo perché potrai: gestire più account, pubblicare post direttamente da Mac, vedere e pubblicare Stories, rebloggare foto di altri utenti e, soprattutto, fare ricerche per hashtag e luogo e salvarle. 

Costo: 7,99€ (una tantum)

Sicuramente là fuori ci sono molti altri strumenti per programmare su Instagram, ma qui ho elencato quelli che ho provato io. E tu, conosci altri metodi per programmare i post su Instagram? Scrivili nei commenti.

Se vuoi ricevere i nuovi post del Blog di CondiMedia nella tua casella email, iscriviti qui
Email *

Un commento

Inserisci un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>