Link Building: la guida completa

La Link Building rappresenta, tra le attività connesse alla SEO e quindi al posizionamento sui motori di ricerca, quella in assoluto più controversa e discussa, per svariati motivi:

  • Si tratta di attività in larga parte di SEO off-site, quindi da effettuare su degli asset che non vengono controllati direttamente da noi.
  • Google non dà mai delle indicazioni realmente precise su come andrebbe fatta, anzi spesso penalizza a sorpresa, come con il famigerato Penguin
  • I risultati spesso non sono lineari con la nostra strategia

In questo post (che verrà costantemente aggiornato) voglio racchiudere un po’ tutto quello che si sa sulla link building, le risorse utili e le strategie più efficaci del momento. Leggi di più

Le migliori ricette di IFTTT

Ci sono strumenti che cercano di migliorarci la nostra quotidianità. Uno di questi è IFTTT, utilissimo strumento online che permette a diversi social network e sistemi di parlarsi tra loro, secondo le nostre istruzioni.

Dietro l’acronimo è spiegato il funzionamento: If This Than That, se faccio questo allora fai quello. In parole povere, a ogni azione corrisponde una reazione. Purché si sia provveduto a creare un Applet che ci venga incontro. Leggi di più

8 plugin WordPress per i social

Una volta che abbiamo scritto un post e lo abbiamo pubblicato sul nostro blog vogliamo che più persone possibili condividano il nostro contenuto.

Una delle cose da fare per raggiungere questo obiettivo è rendere il più semplice possibile la diffusione dei nostri post sui social.

Hai controllato che nei tuoi post ci siano i tasti di condivisione per i maggiori social network? L’operazione per chi ti legge dev’essere semplice e veloce, non deve “rubare” più di qualche secondo e un paio di click. Più l’operazione sarà facile più sarà possibile che il tuo post venga condiviso. E, potendo, dovresti “suggerire” tu stesso al lettore cosa condividere. Leggi di più

Consigli per gestire la pagina Facebook di un’associazione

Mi capita spesso di imbattermi, su Facebook, nei post pubblicati da scuola di recitazione, palestre, corsi di lingue, scuole sportive e via dicendo.
Sono piccole realtà che, quasi sicuramente, non sanno cosa sia o non possono permettersi lo stipendio di un social media manager e/o un community manager, ma ormai su Facebook ci sono tutti e sanno di aver bisogno di essere presenti anche loro, per farsi conoscere e avere nuovi iscritti.
Per fortuna sono sempre meno quelle associazioni che usano il profilo al posto della Pagina Facebook.

Spesso la scuola finisce per affidarsi alla passione di un iscritto, di un insegnante o del direttore.

Facebook è un ottimo luogo per raccontarsi e rafforzare la propria comunità, creare interesse intorno alla nostra attività e attrarre nuovi iscritti.
Per questo andrebbe usato per condividere i successi e nuovi obiettivi, pubblicizzare i nuovi corsi e tutti quegli eventi interessanti per i nostri iscritti.
Ad esempio pubblicando immagini di quotidianità, articoli, aneddoti, consigli sul proprio ambito (calcio, nuoto, recitazione cucito, libri). Soprattutto raccontare le storie di allievi o ex-allievi.

Nella “galleria degli orrori” spesso troviamo fotografie di bambini, per la pubblicazione delle quali sarebbe necessario avere il permesso dei genitori. Post di sfogo in cui si accusano gli allievi (spesso con allusioni, in modo da far capire bene chi sia il colpevole) di essere poco dediti alla disciplina,

O, ancora, il post, sponsorizzato, di un corso di tedesco con un simpatico bambino che diceva: “Yes, we can”.

Un consiglio che mi sento di dare è quello di differenziare la presenza. Un gruppo segreto, in cui saranno presenti solo gli allievi e/o i genitori, qui si potranno dare delle informazioni logistiche (lezioni extra, spostamenti di corso, appuntamenti…) e le foto dei bambini. Lasciando alla pagina Facebook la comunicazione verso l’esterno e il marketing.

L’impossibilità di rivolgersi a un professionista è una cosa che, in fin dei conti, capisco bene, ma spero che chi si ‘improvvisa’ per necessità social media manager abbia la voglia di leggere e imparare.
Così ho messo in fila qualche consiglio utile da applicare.

Se vuoi ricevere i nuovi post del Blog di CondiMedia nella tua casella email, iscriviti qui
Email *

Come usare Canva per la tua creatività

Nella comunicazione online le immagini sono importanti, quasi fondamentali. Comunicano velocemente il tuo messaggio, attirano l’attenzione, sono la tua firma, il tuo segno di riconoscimento.

Come fare se non abbiamo a disposizione un grafico e non possiamo/sappiamo usare programmi di grafica come Photoshop?

Ci viene incontro Canva. Questo tool online permette di creare, in poco tempo, immagini belle e accattivanti. Il tutto in pochi clic e avendo a disposizione tutti gli strumenti necessari, in un unico posto e senza i requisiti tecnici e di competenza richiesti dai tradizionali software di grafica. Leggi di più