Fare SEO nel 2020: certezze, tendenze e novità

Il famoso detto “La SEO è morta!” è una fake news che si ripropone ciclicamente, ma è vero che questa meravigliosa disciplina sia molto mutata nel corso degli anni. Certe pratiche o “regole” non sono più valide, e molte si sono affacciate con l’evoluzione degli algoritmi.

A breve l’anno 2020 farà capolino e, nonostante tutto, la concorrenza su Web dipenderà ancora pesantemente dai fattori di ranking, di Google (soprattutto) e degli altri motori di ricerca.

Tratterò le tendenze SEO più importanti del nuovo anno.

Ma ti suggerirò anche nuove strategie che stanno funzionando alla grande in questo momento.

Quindi, se tra i tuoi buoni propositi del 2020 c’è di migliorare  il posizionamento organico, adorerai questo post.

Autorevolezza del Dominio

In passato l’autorità di un dominio veniva calcolata, più o meno, solo in base ai backlinks.

Non è più così.

Oggi, Google valuta il tuo sito anche in base a competenza, autorevolezza e affidabilità.

Ecco alcune indicazioni che mi sento di darti per seguire questo trend:

  • Autore esperto e riconosciuto: se non lo sei, circondati di professionisti del settore, specialmente in quelli “delicati” (salute). E’ preferibile, quindi, che non si tratti di “tuttologi” come i copy freelance delle content farm.
  • Trasparente e raggiungibile: avete presente tutti quei siti anonimi e verticali dove non c’è traccia di una pagina “Chi Siamo”, “Contatti” o (ancor peggio) la Privacy Policy? Ecco, evita di trovarti in situazioni simili
  • Fatti citare: se rispetti i punti sopra, sarà sempre più facile venire citati spontaneamente con un bel link in ingresso

Ricerca visiva

Le persone fanno sempre più ricerche visive.

Google Lens, sebbene sia ancora poco noto in Italia, è già stato utilizzato 1 miliardo di volte e funziona dannatamente bene.

Google Lens

Niente male, no?

Una volta che inizi a usarla, noterai rapidamente che la ricerca visiva è super utile per:

  • Shopping
  • Indicazioni
  • Individuazione dei punti di riferimento
  • Recensioni di attività commerciali locali
  • Traduzioni
  • Ricette
  • Informazioni nutrizionali
  • …e altro

Hai notato poi una cosa? Sono i giovani (quindi il FUTURO per antonomasia) ad apprezzare il visual più del text.

Quindi tirati su le maniche, e ricordati di far Image SEO, ovvero di:

  • Caricare immagini con filename descrittivi…
  • …e con alt text SEMPRE valorizzato
  • Posizionare le immagini, preferibilmente, nella parte alta della pagina

Video

Anche il 2020 sarà l’anno dei video? Pare proprio di sì!

In effetti, secondo Cisco, entro il 2021 i video rappresenteranno l’80% di tutto il traffico online.

E’ tanto, vero? E potrebbe comunque non soddisfare ancora la domanda mondiale di video.

Pare poi che Google stia di nuovo spingendo i featured snippet verticali sui video:

video featured snippet

Ecco dunque alcuni consigli su come posizionarsi per questo tipo di ricerche:

  • Organizza i tuoi contenuti in sezioni ben distinte: se il video sarà diviso in parti riconoscibili (per esempio vari sotto-temi), Google sarà in grado di capire per bene l’argomento e a posizionare le diverse clip su keyword differenti. Forte, vero?
  • Ottimizza i testi: il cuore è il video, ma ricordati di usare testi significativi (e con keyword) nel titolo, nella descrizione e nei tag.
  • Utilizza i sottotitoli: quelli automatici di YouTube sono già qualcosa, ma spesso non sono molto precisi (eufemismo). Ti consiglio di caricarli tu, manualmente.
  • Cresci il tuo canale: quando si parla di video, YouTube è il regno per eccellenza (oltre ad essere il terzo sito più visitato al mondo). Ti ho già dato dei consigli in proposito.
  • Embedda i video nei blog post: ottimo per ridurre il bounce rate del sito.

Ricerca Vocale

Il mercato degli smart speaker (Google Home o Alexa su tutti) sta spiccando il volo da qualche tempo, e questo dovrebbe farvi riflettere sul fatto che ANCHE quello è un canale molto interessante dove fare marketing, e dove posizionarvi.

Ecco alcune indicazioni in tal senso:

  • Posizionati bene: le uniche speranze di venire pronunciato da uno smart speaker per una ricerca, sono di essere nella Top 3 dei risultati…non sempre è così semplice, vero?
  • Posizionati meglio di tutti: diciamo la verità, il modo migliore è quello di piazzare la propria pagina nei featured snippet di Google
  • E per Alexa? In quel caso un metodo veloce c’è, ed è quello di sviluppare la propria skill. Chiaramente non è un’attività molto SEO, ma è efficace.
  • Q&A: in generale, un buon modo per posizionarsi per la ricerca vocale è quello di organizzare i propri contenuti in forma di domanda e risposta.

Featured Snippet

Secondo SEMrush, l’11,52% di tutti i risultati di ricerca ha un featured snippet.

featured snippetI featured snippet non corrispondono sempre al primo risultato, ma sicuramente gli rubano molto click.

Come fare a posizionarsi al “numero 0”? Ecco due consigli pratici:

  1. Trova le opportunità: prendi le keywords dove sei già posizionato (in prima-seconda pagina) e che abbiano il featured snippet
  2. Aggiungi un’esca alla tua pagina: crea un blocco di 40-60 parole (la misura media di un featured snippet) che risponda nella maniera più puntuale e sintetica alla keywords. Di solito si tratta di una definizione o di un elenco di istruzioni.

Intenzione di ricerca

Questo è stato un argomento di spicco nel mondo SEO nel 2019.

E per una buona ragione: i contenuti che non corrispondono alle intenzioni di ricerca, semplicemente, non si posizionano!

E man mano che Google migliora nel fornire alle persone i risultati di ricerca esatti che desiderano, questo trend non potrà che crescere ancora.

Ecco i passi necessari da fare:

  • Individua l’intenzione di ricerca di una keyword: ne esiste una per ogni parola-chiave, sai? Informazioni, comparazioni, acquisto, azioni varie…
  • Crea un tipo di contenuto che risponda esattamente all’intenzione: possono essere dei tutorial (“Come fare…”), oppure dei post-lista, o molte altre tipologie che si possono adattare all’esigenza dell’utente.
  • Riottimizza i vecchi contenuti in base alle intenzioni di ricerca: non ti dimenticare del passato, potresti trovare delle vecchie pepite nascoste che hanno solo bisogno di una spolverata per tornare a brillare.

Il CTR che cala

Non giriamoci attorno: è sempre più difficile convertire un posizionamento in SERP in un’effettiva visita al sito.

Non è un segreto perché: Google sta riempiendo i risultati di ricerca organici con sempre più numerosi blocchi, tra cui, molto spesso, le risposte esatte.

google risposta esatta

Non tutto è perduto, eh? Ci sono molte azioni che puoi mettere in campo per migliorare il CTR.

  • Includi la keyword nella URL
  • Usa (ove possibile) titoli “emozionali”
  • Scrivi le meta description in tutte le pagine

E voi? Avete individuato altri trend o strategie? Scriveteli pure nei commenti! Buon 2020 con la SEO!

Vuoi ricevere i post via email?
I migliori approfondimenti del web marketing, più qualche sporadica lettera.
Iscrivendoti fornisci il consenso a Condimedia per inviarti periodiche mail di aggiornamento. Consulta la nostra Privacy Policy per maggiori dettagli.

Lascia un Commento

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Show Buttons
Hide Buttons
semrush coupon gratis